lawrence-italy4golf-villa-igea-platejpg

Il Lago di Garda filtrato dagli occhi di Sir D. H. Lawrence

“Tutto sembrava così lussureggiante, quasi tropicale – e tutto sembrava intessuto di sole. Le foglie, la terra, i gambi delle piante […] Dunque Riva: e là il lago scintillava al sole. […] Per lui Riva era bella. Per prima cosa, presso la banchina del lago si levava l’antica torre con la sua larga facciata blu con l’orologio […] C’era il lago, vivo e marezzato, con la sua acqua trasparente azzurro-nera, piuttosto scura, così viva. E c’erano barche dalle vivaci vele gialle e vele rosse e arancione, e barche con due vele bianche […] E c’era cordialità, uno scintillio, una disinvoltura deliziosa oltre ogni dire, meridionale nella sua disinvoltura, e nordica nel suo fascino all’erta.”

Ecco come D. H. Lawrence, uno degli scrittori inglesi del Novecento ora fra i più amati ma ai suoi tempi contestato, descrive il suo primo incontro con il Lago di Garda e precisamente con Riva del Garda, che nel 1912 era ancora austriaca. Lui e Frieda, la donna che poi sposerà, una baronessa tedesca scappata dal marito, avevano viaggiato a lungo a piedi attraversando la Germania e le Alpi. Si erano fermati a Trento, che non avevano apprezzato ed erano proseguiti fino all’incantevole cittadina di Riva del Garda.  Me li immagino che arrivano con il trenino secondario che scende da Nago con lo stupore negli occhi per il paesaggio della piana del Sarca e del Lago che si distende davanti a loro. Quella linea ferroviera ora non esiste più: fu soppressa nel 1936.

A Riva trovarono una bellissima stanza arredata con un soffitto dipinto a Villa Leonardi in Viale Giovanni Prati n. 8, ma era troppo cara per loro. Dopo poco tempo, decisero di spostarsi a Villa di Bogliaco presso il Sig. Pietro De Paoli a cui vengono indirizzati, che possedeva Villa Igea, poco distante dal delizioso porto di Villa di Gargnano, dove rimarranno per quasi sette mesi. Infine si sposteranno a San Gaudenzio prima di Muslone, una minuscola frazione di Gargnano, un vero incanto, con una straordinaria vista del lago, prima di ritornare in Inghilterra.

Le impressioni dello scrittore le ritroviamo nei saggi di Crepuscolo in Italia, pubblicato nel 1916, un libro di viaggi quasi totalmente riscritto rispetto alla prima pubblicazione avvenuta nel 1913 in una rivista. Anche le numerose lettere che scrive agli amici nel periodo gardesano sono una fonte preziosa che unisce le sue osservazioni sui luoghi, sui suoi scritti e il quotidiano vissuto con Frieda.

Attraverso i racconti e le lettere Lawrence ci svela il paesaggio e l’umanità del paese, ci descrive i luoghi che lo affascinano e l’intrigano. Ci descrive Gargnano come “un paese piuttosto decadente sul lago. Ci si può arrivare solo in battello a causa delle alte colline rocciose alle spalle del paese […] ci sono vigneti e uliveti e giardini di limoni sulla collina dietro.” E ancora “Il paese profuma un po’ di vino. Lo pigiano in strada e nell’aia”.

A Villa Igea, in Via Colletta 8, a fianco dell’attuale Comunità Montana, che era il palazzo dei proprietari, dimorano “in un bellissimo appartamento […] la villa è separata dal lago solo dalla strada e s’affaccia sull’acqua. Là, alla luce del sole – c’è sempre il sole qui…”

E così, con i suoi occhi, rivediamo i paesi di un tempo e i luoghi che frequentava. Rivediamo il proprietario, il Sig. Pietro che “manda cesti di fichi e di uva e strani frutti e uno strano succo d’uva che ribolle, vino al primo stadio”.

La piazzetta di Villa di Gargnano “una graziosa piazzetta dove gli italiani chiacchierano e i pescatori attraccano le loro barche, proprio lì vicino…” che forse è una delle poche che ancor oggi ha mantenuto quasi intatto il suo incanto.

E sappiamo che se ne va a bere nell’osteria locale. Le locande per Lawrence “sono come il salotto della famiglia – cani, bambini, pentole che bollono, mascalzoni e grandi focolari aperti dove è possibile sedersi […] e si può andare in cantina – e c’è la famiglia a cena vicino al fuoco e si beve a un altro tavolo.”

Proprio a Gargnano Lawrence termina il suo terzo libro Figli e Amanti, oltre a comporre numerose poesie, opere teatrali ed articoli e il suo primo libro di viaggio. Scrive lettere e con Frieda cercano di imparare l’italiano (“come umili bambini”) grazie all’aiuto di una certa signorina Feltrelline da cui viene spesso rimproverato, che descrive come “È tutta da ridere. Indossa guanti neri e tiene in riga me e Frieda.”

Con Frieda vanno a teatro. Il Sig. De Paoli ha offerto loro la chiave del suo palco n. 8, a Gargnano, nella chiesa sconsacrata, dove ha modo di incontrare tutto il paese ed osservare le rigide gerarchie di grado e di sesso della comunità. La chiesa “era stata costruita con grande intelligenza per una perfetta drammatizzazione delle cerimonie religiose”. Ancora oggi è possibile visitare il teatro che ha subito modifiche e trasformazioni ma ha mantenuto la sua funzione.

E commenta con gli amici: “Gli italiani qui cantano. Sono molto poveri, comprano due soldi di burro e uno di formaggio. Ma stanno bene e passeggiano come dei re nella piazzuola dove arrivano le barche e vengono rammentate le reti. E passano vicino alla finestra con orgoglio, e non hanno fretta né si agitano. E le donne camminano dritte e sembrano calme.”

E poi fanno escursioni nei dintorni: a Maderno, a Campione, a Gardola di Tignale. Ma non si integrano con gli abitanti che non parlano la loro lingua, ma solo un buffo francese a volte e poi parlano un dialetto pressoché incomprensibile per loro.

Lawrence scopre la raccolta delle olive, che erroneamente pensa sia un raccolto tardivo, racconto di un momento in cui ancora oggi possiamo imbatterci verso metà novembre: “Oggi ho visto un uomo  che raccoglieva le olive. Stanno appollaiati come degli strani uccelli su una scala fatta così… Sembrano bizzarri – ma gli italiani hanno figure così belle e movimenti stupendi.”

Leggi subito la seconda parte dell’articolo!

Cristina De Rossi
Italy4golf Italian Ambassador

Campione, Crepuscolo in Italia, Figli e Amanti, Frieda von Richthofen, Gardola di Tignale, Lago di Garda, Maderno, Muslone, Nago, Pietro De Paoli, raccolta delle olive, Riva del Garda, San Gaudenzio, Sarca, Sir D. H. Lawrence, Villa di Bogliaco, Villa di Gargnano, Villa Igea, Villa Leonardi

Experiences Ryder Cup 2023

X