Roberto Matetich
Fabio Ceccarelli

Roberto e Fabio sono due nostri amici appassionati di vino e territorio italiano.
Entrambi Sommelier per passione e professione, ci portano con i loro racconti alla scoperta del mondo del vino italiano.

sassicaia-bolgheri-2015-italy4golf-fabio-ceccarelli

Sassicaia: un vino iconico che nacque come vino di casa

Il boom nella produzione di vino lungo la costa della Toscana è relativamente recente. Il Sassicaia, sul mercato dal 1972 (raccolto 1968), è stato il pioniere di un incredibile progresso enologico dell’area a sud di Pisa, provincia di Livorno.

Quella che è diventata l’etichetta più famosa della Toscana è nata come vino della casa, da una terra che Mario Incisa della Rocchetta, di origine piemontese, aveva ricevuto come dote di nozze; per 20 anni è stato solo un vino di famiglia, da condividere con gli amici.

Il Marchese Incisa della Rocchetta (1889-1983), amante dei cavalli e dei grandi vini francesi, aveva deciso di piantare il Cabernet Sauvignon nel 1944, pensando ai vini bordolesi. All’inizio a nessuno piaceva il suo vino; era un vino innovativo, troppo lontano dal gusto locale, e rimase anonimo per 20 anni, fino a quando il vino non fu immesso sul mercato con il supporto del cognato, Niccolò Antinori, e dell’enologo Giacomo Tachis, consulente di Antinori.

Le annate 1980, 1981 e poi 1985 hanno avuto successo in tutto il mondo e la portata di tale successo non è stata ancora esaurita. Il Sassicaia ha innescato una reazione a catena dell’area locale e dell’intera regione, rimanendo nondimeno etichettato come vino da tavola per lungo tempo.

Solo dal 1994 è un vino DOC – denominazione di origine controllata. L’annata 2015 si è classificata al primo posto nella “Top 100 list” di Wine Spectator. Il figlio di Mario, Niccolò Incisa della Rocchetta, ha guidato l’azienda (ovvero Tenuta San Guido) per decenni e ora la nipote di Mario, Priscilla, continua la storia del successo.

Mentre il Sassicaia oggi è quotato in borsa, ci sono oltre 50 cantine a Bolgheri, che producono ottimi vini con Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot e Syrah.

Il Bolgheri Sassicaia 2015 è ottenuto da Cabernet Sauvignon (85%) e Cabernet Franc ed è invecchiato per due anni in barrique francesi (per un terzo nuovo). Il 2015 è stata un’ottima stagione in Toscana con un’estate regolare e molto calda, che ha permesso la maturazione e la sanità dell’uva.

Ho avuto la possibilità di assaggiare Bolgheri Sassicaia 2015 ed ecco le mie note di degustazione:

Colore rosso rubino intenso con bordo rosso granato; molto luminoso. Ha un naso avvincente, che si apre con erbe balsamiche e note mature di mirtillo e ribes nero; è anche speziato e minerale e non ti stanchi mai di annusarlo. Al palato è pieno di energia grazie a tannini perfettamente maturi e fitti. È un vino strutturato con una personalità assolutamente elegante ed un finale estremamene persistente, con ricordi di rosmarino e succo d’arancia. È un vino davvero eccezionale!

Fabio Ceccarelli
Italy4golf Italian Ambassador

Bolgheri Sassicaia 2015, Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, Fabio Ceccarelli, Giacomo Tachis, Marchese Incisa della Rocchetta, Mario Incisa della Rocchetta, Niccolò Antinori, Niccolò Incisa della Rocchetta, Priscilla Incisa della Rocchetta, Sassicaia, Syrah, Tenuta San Guido, Toscana, Vini toscani, Wine Spectator

Experiences Ryder Cup 2023

X